Acido borico, tutti i possibili impieghi per gli animali

Sempre più spesso si sente parlare di acido borico, un rimedio a tanti disturbi non solo per gli umani ma anche per gli animali. Questa sostanza, infatti, è ottima non soltanto per la pulizia delle lenti a contatto ma anche per disinfettare gli occhi di cani e gatti. Lo stile di vita degli animali, del resto, è ben noto per cui le secrezioni sono un problema molto ricorrente.

Come fare? Le applicazioni di acido borico sono una valida soluzione. Si tratta, infatti, di un rimedio suggerito da moltissimi veterinari, una soluzione blanda, economica, acquistabile in farmacia che può produrre risultati sorprendenti. L’acido borico, in genere, viene infatti venduto in soluzioni diluite al tre per cento che possono essere applicate direttamente sulla parte con un batuffolo di cotone.

Certo, bisogna prestare molta cautela. È fondamentale, infatti, immobilizzare bene il cane o gatto che sia e poi procedere con l’applicazione strofinando lievemente sulle palpebre. Questo movimento aiuta a sciogliere eventuali secrezioni che, con il passare delle ore o dei giorni, potrebbero essersi solidificate. Una volta tolte le parti più grosse, bisogna poi continuare ad applicare la soluzione per disinfettare tutte la parte e anche la porzione circostanze.

impieghi per gli animaliIl più delle volte siamo portati a fare questo lavaggio accurato solo quando i nostri animali ne hanno veramente bisogno anche se quella di procedere con applicazioni giornalieri sarebbe una buona abitudine. Così si può infatti dare sollievo all’animale in maniera da prevenire anziché curare eventuali altre infezioni. Dal punto di vista del composto non vi sono differenze tra l’acido borico per cani e l’acido borico per gatti, la sua composizione di disinfettante è infatti adatta a entrambe le specie senza irritazioni o problemi di sorta.

Quella appena descritta non l’unica possibile applicazione di acido borico per animali. Un altro caso assai ricorrente è infatti anche quello di usare questa sostanza per disinfettare il padiglione auricolare. In casi di timpano perforato, proprio come accade agli umani, ma anche e soprattutto di inibizione batterica sul canale timpanico momentaneamente indifeso.

Come fare in questi casi?

Come al solito occorrerà immobilizzare l’animale altrimenti si rischiano movimenti inconsulti ma anche una cattiva applicazione. In secondo luogo bisognerà utilizzare un contagocce o uno di quei flaconcini vuoti utilizzati magari precedentemente in casa. Dopo aver bloccato l’animale bisognerà quindi far cadere qualche goccia con il contagocce direttamente nell’orecchio in maniera tale da disinfettare tutta la parte.

Poiché si tratta di un tipo di applicazione diretta e più consistente, è sempre meglio consultare almeno telefonicamente il veterinario e usare l’acido borico solo all’occorrenza ovvero in caso di infezioni e fastidi evidenti e conclamati. L’uso dell’acido borico per la pulizia delle orecchie, insomma, è un metodo ottimo non solo per gli animali ma anche per gli umani.

Lo stesso flacone, ovviamente con contagocce ben distinti e separati, può essere acquistato al costo di pochi euro in farmacia ed essere usato per tutti i componenti della famiglia. Animali compresi. Anche i casi sovradosaggio sono molto rari ma sempre meglio attenersi alle prescrizioni del veterinario o del medico di famiglia.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.